+39 075 609699 info@lusios.it

Decreto Legge 31 maggio 2021, n. 77 – Semplificazioni e Governance PNRR

Lusios S.r.l.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 31 maggio 2021, n. 77. Con tale provvedimento vengono modificate alcuni elementi relativi alle autorizzazioni ambientali, con particolare riferimento alla VIA: Valutazione di impatto ambientale.

Si segnalano di interesse in materia:

ART. 22: in materia di PAUR (Provvedimento autorizzativo unico regionale)

Il provvedimento autorizzativo unico ambientale è un provvedimento di VIA che ingloba anche il rilascio di tutti gli altri titoli abilitativi di seguito elencati:

a) autorizzazione integrata ambientale ai sensi del Titolo III-bis della Parte II del presente decreto;

b) autorizzazione riguardante la disciplina degli scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee di cui all’articolo 104 del presente decreto;

c) autorizzazione riguardante la disciplina dell’immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte di cui all’articolo 109 del presente decreto;

d) autorizzazione paesaggistica di cui all’articolo 146 del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;

e) autorizzazione culturale di cui all’articolo 21 del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;

f) autorizzazione riguardante il vincolo idrogeologico di cui al regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267, e al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616;

g) nulla osta di fattibilità di cui all’articolo 17, comma 2, del decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105;

h) autorizzazione antisismica di cui all’articolo 94 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380.

Con la modifica in esame è facoltà del proponente richiedere l’esclusione dal procedimento unico di alcuni atti autorizzativi. Questa previsione consente al proponente di gestire in modo autonomo e scegliere quali atti inserire nel procedimento di PAUR e quali lasciare indipendenti.

ART. 27 (Interpello ambientale)

La norma prevede che, tra gli altri soggetti, le associazioni di categoria rappresentate nel Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro possono inoltrare al Ministero della Transizione ecologica istanze di ordine generale sull’applicazione della normativa statale in materia ambientale. Le indicazioni fornite nelle risposte alle istanze costituiscono criteri interpretativi per l’esercizio delle attività di competenza delle pubbliche amministrazioni in materia ambientale, salvo rettifica della soluzione interpretativa da parte dell’amministrazione con valenza limitata ai comportamenti futuri dell’istante.