+39 075 609699 info@lusios.it

La gestione del cambiamento

Lusios S.r.l.

Con il termine gestione del cambiamento (change management) si intende un approccio strutturato al cambiamento negli individui, nei gruppi, nelle organizzazioni e nelle società che rende possibile (e/o pilota) la transizione da un assetto corrente ad un futuro assetto desiderato.

Una delle maggiori responsabilità del management è quella di identificare precocemente i cambiamenti rilevanti (le mutazioni) che si manifestano nell’ambiente interno ed esterno, ed avviare per tempo i programmi necessari ad accompagnarle o a contrastarle.

La ISO 45001 ha un punto specifico che tratta la materia: 8.1.3 Gestione del cambiamento.

Questo punto della norma ci invita a gestire tutti quei cambiamenti che possono avere un impatto sulla Salute e Sicurezza.

Tra gli altri vengono citati:

  1. nuovi prodotti, servizi e processi o modifiche a prodotti, servizi e processi esistenti:
    • ubicazione del luogo di lavoro e aree circostanti;
    • organizzazione del lavoro;
    • condizioni di lavoro;
    • impianti e attrezzature;
    • forza lavoro;
  2. cambiamenti nei requisiti legali e altri requisiti;
  3. cambiamenti nelle conoscenze o informazioni su pericoli e rischi per la SSL;
  4. sviluppi nella conoscenza e nella tecnologia.

Per quanto concerne lo schema ISO 14001 viene in aiuto l’appendice A della ISO 14001 ossia la guida all’uso della norma che affronta l’argomento nel dettaglio al punto A1. Esempi di cambiamento, in materia ambientale, sono:

  • modifiche pianificate a prodotti, processi, attività operative, attrezzature o installazioni;
  • cambiamenti nello staff o fornitori esterni, compresi appaltatori;
  • nuove informazioni correlate agli aspetti ambientali, agli impatti ambientali e alle relative tecnologie;
  • modifiche negli obblighi di conformità.

Cosa fare in pratica all’interno di una organizzazione per raccogliere valore aggiunto dalla gestione del cambiamento in maniera snella ma efficace?

  • Strutturiamo un processo di individuazione dei cambiamenti.
  • Capiamo quali saranno gli impatti.
  • Valutiamo rischi e opportunità.
  • Strutturiamo le procedure/istruzioni operative che presidieranno il momento del cambiamento.
  • Rafforziamo il controllo operativo.
  • Standardizziamo ciò che dal cambiamento emergerà come nuova prassi.

Da una gestione di questo tipo emergono solo vantaggi, sperimentati in numerose realtà mature che, da molto tempo, anticipano i problemi anziché gestirli una volta che si sono presentati.